Roberto Castelli (Autonomia e libertà): “Il politicamente corretto è il cancro del terzo millennio”

Visite: 146
0 0
Pubblicità
Condividi con
Tempo di lettura:51 Secondi

‘Le trappole del politicamente corretto’ sono state al centro di un convegno che si è svolto venerdì a Brescia, organizzato dall’associazione Autonomia e libertà, con l’intervento di Valentino Rubetti autore di diverse pubblicazioni (si occupa in particolare degli aspetti politici e culturali del Novecento italiano dal fascismo alla prima Repubblica) tra cui ‘Razzista a chi ? Miserie del politicamente corretto’. Si tratta di un argomento sul quale Autonomia e libertà intende tornare come spiega il presidente Roberto Castelli che ha chiuso la serata, introdotta da Giulio Arrighini e moderata da Francesca Losi. “Il politicamente corretto è il cancro dell’inizio del Terzo Millennio. Con la volontà di imporre un certo  linguaggio in realtà si vuole imporre il pensiero e quel che è peggio, l’agire dell’uomo – spiega Castelli – noi abbiamo cercato di smascherare questa macchinazione,  che si traveste talvolta sotto vesti buoniste, per cercare di ribellarci a questo pensiero unico che è, ripeto, il cancro degli anni Duemila. La serata ha avuto una buona risposta e torneremo ad occupercene”

Pubblicità
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %
Condividi con

Ti potrebbero interessare

Articoli dello stesso autore

+ There are no comments

Add yours